bendaggio-drenante

BENDAGGIO DRENANTE

Il bendaggio drenante è una tecnica molto usata in estetica. La sua efficacia è dovuta al tipo di sostanze contenute nei trattamenti ed alla loro ” tecnica di iniezione ” all’interno della pelle.

Il trattamento, diffuso nelle beauty farm, agisce sulla circolazione sanguigna, aiuta l’eliminazione delle tossine attraverso la pelle, intervenendo anche meccanicamente sui tessuti, grazie alla compressione costante esercitata dalle bende elastiche; tale compressione viene graduata dalle modalità di fasciatura ( incroci, tensione ) del bendaggio. Le bende sono delle fasce monouso elasticizzate in garza che vengono imbevute, a seconda dell’azione voluta ( azione idroterapica ) di siero, di argilla, di sali del Mar Morto, di decotti ottenuti da piante officinali, di pomate con azione specifica anticellulitica; il bendaggio viene compiuto incrociando le bende in determinate zone del corpo, per ottenere una maggiore pressione. Esistono bendaggi a CALDO ed a FREDDO e le loro funzioni cambiano notevolmente.

I BENDAGGI A FREDDO svolgono azione riducente. Essi sono vasocostrittori, ossia contrastano la vasodilatazione e sono utilizzati principalmente per ridurre il gonfiore e la pesantezza degli arti inferiori. Migliorano il sistema circolatorio, linfatico e il metabolismo delle cellule adipose. Sono utilizzati, inoltre, come rassodanti.

I BENDAGGI A CALDO, invece, sono vasodilatatori e aumentano il calore corporeo stimolando la circolazione periferica. In questo modo, i tessuti adiposi vengono stimolati assieme al metabolismo dei grassi con conseguenti effetti disintossicanti più che riducenti come invece avviene nei bendaggi freddi.

CONSIGLIO: un trattamento di bendaggio dovrebbe durare almeno DUE MESI ed essere eseguito per DUE – TRE volte alla settimana. Le bende vanno tenute circa 50 minuti e dopo il bendaggio è bene massaggiare lievemente le zone trattate. Allo stesso modo, la pelle dovrebbe essere preparata almeno qualche ora prima con un buono scrub. E’ bene eseguire il trattamento stando riposati e rilassati: la migliore posizione per drenare e sgonfiare le gambe è quella distesa, con le gambe un po’ sollevate dal piano di appoggio del corpo. Un leggero rialzamento del piede e del polpaccio riattiva la circolazione e aiuta l’ossigeno a bruciare i grassi.

AVVERTENZA: le bende non devono comprimere ma essere applicate con morbidezza, per non bloccare la circolazione sanguigna. EVITATE il bendaggio in caso di vene varicose, consultate un medico specialista prima di qualsiasi trattamento. PROTEGGETE la zona inguinale per non permettere alla crema di contaminare le parti genitali.

Nouvelle Esthétique Académie